Webzine di approfondimento dedicato al basket, partite ed eventi, dirette live in streaming video e audio

RUN AND JUMP – Virtus si “rompe”anche Abass,Repesa si dimette mentre Brindisi e Tortona “steccano” all’esordio

"Terremoto" in casa Fortitudo,il tecnico croato annuncia le sue dimissioni nel post gara persa contro Reggio Emilia,un fulmine a ciel sereno si abbatte sulla Effe scudata

 

 

Per  la prima di LBA a Bologna sponda Fortitudo le cose si mettono gia’ male. Non bastava un inizio di stagione difficile per tanti motivi, ieri sera arriva nel post gara direttamente in conferenza stampa il fulmine a ciel sereno di J. Repesa che  da le sue dimissioni e vola in Croazia…ma se sulla sponda Effe Scudata “piangono” su quella Virtussina di certo non ridono (nonostante un grande inizio di stagione ),perche’nel giro di pochi giorni arriva un altra tegola legata questa volta al grave infortunio di Abass che si aggiunge  a quelli di Udoh e del convalescente Nico Mannion.Una Virtus che nonostante i tanti infortuni sembra aver trovato gia’ una continuita’ e un equilibrio grazie anche all’innesto degli ultimi arrivati che nello spot di 3-4-5  sono diventati un vero valore aggiunto,la capacita’ dei vari Harvey e Jaiteh  di attaccare in situazioni dinamiche  sta diventando il marchio di fabbrica della Virtus  di Sergio Scariolo.

Brindisi  da la sensazione di essere una buona squadra  ma molto lontana da quella ammirata lo scorso anno… la mancanza di un guy-to-guy come Harrison si fa sentire ,non tanto in termini di punti a referto…  ma dall’impatto che il giocatore USA riusciva a dare con le sue penetrazioni e i suoi 1c.1  facendo collassare spesso la difesa  su di se…non a caso le cose migliori la squadra di F. Vitucci  nello scorso campionato le faceva proprio  dal lato debole con giocatori con grande propensione ai rimbalzi offensivi( i Pugliesi lo scorso anno risultarono la miglior squadra a rimbalzo ) e i tagli flash dei vari Willis e Gaspardo tanto per citarne due. A Trieste non basta un super Redivo e nell’overtime e’ costretta ad alzare bandiera bianca contro Banks e company.

Ci si aspettava qualcosa in piu’ anche dalla neopromossa Tortona ( che a mio avviso rimane una tra le squadre piu’organizzate del campionato), ma la brutta prova di ieri contro Treviso ridimensiona gli uomini di Ramondino piu’ dal  vista psicologico che numerico…i Piemontesi sembrano aver perso quella sicurezza e spavalderia delle gare di Supercoppa, 4 inseguimenti sui blocchi sono costate 4 triple consecutive dei vari Dimsa e Bortolani che spaccano la partita in due con i Trevigiani che addirittura toccano il massimo vantaggio sul + 21. La sensazione e’ che il supporting  in cast della Bertram  in termini di panchina … non sia attrezzato  per la massima serie.

 

 

In UP & DOWN andiamo ad analizzare  questa settimana chi sale e chi scende nella prima gionata di campionato

 

 – T.DIMSA  spacca la gara in due…con tre bombe consecutive che manda in titlt Tortona,il tutto condito da 28 punti in 25 minuti

L.REDIVO la sua provenienza (Bahia Blanca che ha sfornato giocatori in serie…P.Sanchez. B Cerella , M. Ginobili tanto per citarne alcuni…)dovrebbe gia’ far stare tranquilli tutti i supporter Brindisini, e anche il buon Lucio si sta rivelando di quella “pasta”, dopo le ottime prove in Supercoppa ,un altra grande partita anche in quel di Trieste,non male per un elemento arrivato a Brindisi in prova…

 

FORTITUDO BOLOGNA: se il buongiorno si vede dal mattino….c’e’ poco da stare allegri,la stagione  non era incominciata bene gia’ dal precampionato con situazioni gestite male (vedi Procida)o l’assemblamento di un roster arrivato in grande ritardo che non ha permesso a Repesa di poter lavorare in precampionato per plasmare  un gruppo tutto nuovo, per poi continuare  con l’infortunio di Fantinelli  che Repesa contava di avere a disposizione gia’ dai primi di Settembre. Tutte situazioni che evidentemente non sono piaciute al tecnico croato che l’altro ieri ha salutato tutti con delle dimissioni che per molti addetti ai lavoro erano gia’ nell’aria…

 

OLIMPIA MILANO: magari in futuro saro’ smentito ,ma al momento scusate la frase retorica… Milano vince ma non convince (nonostante io sia un grande estimatore di Messina).

Forse questo ritardo di continuita’ e fluidita’ di gioco nell’arco dei 40 minuti sara’ anche dovuto ai tanti carichi di lavoro per poter far arrivare  tutto il gruppo in forma nei mesi che contano….visti i 4 schiaffi che fanno ancora male della finale scudetto, ma al momento gli uomini di E,Messina giocano un basket troppo prevedibile,palla troppo ferma su un lato, e con una sensazione che la squadra sia piu’ impegnata a leggere i vari mis match che attaccare in continuita’. Tarczieskwy ha fatto capire se c’e’ ne era bisogno tutta la sua utilita’ e fisicita’ sotto le plance…caratteristiche a cui E.Messina e il suo staff sul lungo periodo non possono rinunciare, le prime uscite senza l’utilizzo di un centro puro (Hines non puo’ piu’ reggere determinati ritmi ) senbra non pagare i giusti dividendi  nonostante la presenza di   giocatori come Melli,Mitoglou e Datome…ma come si suon dire, chi vivra’ vedra’….

 

 

NUTRIBULLET TREVISO  : L a squadra  di Menetti avra’ anche tirato con percentuali che avrebbero steso chiunque….( 17 bombe con il 52% dal campo) ma questo non toglie meriti all’ottimo lavoro dell’ex coach di R.Emilia  che sta continuando il percorso dello scorso anno.Una Treviso che riesce a entrare nei giochi con estrema facilita’ specialmente in situazioni di transizione,caratteristica che ultimamente si vede molto raramente anche sui paquet di serie A,il tutto a testimoniare la bravura di Menetti  e tutto il suo staff