Webzine di approfondimento dedicato al basket, partite ed eventi, dirette live in streaming video e audio

Eurocup Top 16 – La Virtus Segafredo Bologna supera all’overtime il Cedevita Olimpjia Ljubljana

La Virtus Bologna conquista il primo posto nel Girone

La Virtus Bologna vince 98-108 a Lubiana ma solamente dopo un tempo supplementare. Può comunque festeggiare il primo posto matematico nel girone delle Top 16. La partenza per la compagine di coach Djordjevic è positiva e nella prima metà del secondo quarto sembra aver trovato come sganciarsi dall’Olimpjia Lubiana. Se è il Cedevita a non segnare nella prima metà del secondo quarto, è la Virtus a non farlo nella seconda metà permettendo ai padroni di casa di rientrare e controllare la partita fino a 3 minuti dalla fine. A quel punto Teodosic e Belinelli si caricano la squadra sulle spalle e portano la partita all’over time. L’inerzia è a favore delle V Nere che espugnano anche il campo in Slovenia e si assicurano matematicamente il primo posto nel girone.

Starting Five
Cedevita Olimpija Ljubljana: Perry, Blazic, Muric, Jones, Dimec.
Virtus Segafredo Bologna: Markovic, Teodosic, Weems, Ricci, Gamble.

Primo quarto
Inizio a marce alte tra le due squadre con la Virtus che segna bene anche da 3 con Weems e Ricci. Il Cedevita prova a rimanere agganciata alla Virtus grazie anche ai falli commessi dai lunghi bianco neri. Gamble con 2 falli e Tessitori con 3.
In attacco buono l’apporto in attacco per Alibegovic. Muric segna il -1 con una tripla e fa rimanere agganciati i suoi alla Virtus.
Finisce 22-23 il primo quarto.

Secondo quarto
Hunter show a inizio quarto con un parziale di 5-0 con un super rimbalzo condito da un 2+1 e schiacciata in contropiede. Tripla di Belinelli e time out Cedevita.
Difesa soffocante della Virtus che non lascia un centimetro e un tiro facile al Cedevita. Il primo punto arriva dalla lunetta dopo 5.30 minuti.
Due triple e un contropiede di Perry danno via al recupero per i padroni di casa. Blazic lo completa e firma il +1 con un contro-parziale di 13-0 invertendo l’andamento di inizio quarto.
Finisce il primo tempo con i padroni di casa in vantaggio 40-39.

Terzo quarto
Perry anima del Cedevita quando penetra ma ancora a secco dalla lunga distanza. La Virtus non brillante nella ripresa ma riesce comunque a rimanere punto a punto.
Ritorno in campo per Pajola dopo l’infortunio subito.
Continua ad essere una Virtus poco fluida e scende anche sul -6 a causa anche dei canestri di Blazic.
Finisce il terzo quarto sul punteggio di 62-56.

Quarto quarto
Apre bene Abass con la tripla dall’angolo ma poco dopo arriva il nuovo massimo vantaggio per Cedevita, +9. Alibegovic e Belinelli accorciano immediatamente e la Virtus torna a -4.
Pajola e Teodosic segnano e mandano la Virtus a -3 una volta a testa ma puntualmente Rupnik rispedisce gli avversari a -6 la Virtus. Blazic segna il +9 Cedevita a meno di 3 minuti dalla fine.
Teodosic e Belinelli si prendono la squadra sulle spalle portandola sul -4. Ancora il play serbo ruba palla, subisce l’antisportivo e converte i liberi. Converte anche quelli del pareggio a quota 86.
Perry vuole chiuderla e segna un importante 2+1. Teodosic ha il tiro del pareggio ma sbaglia, rimbalzo vitale di Hunter e parità firmata da Belinelli.

Over Time
Weems e Markovic segnano subito da 3 e +6 Virtus.
Muric dimezza le distanze ma Weems rispedisce indietro il Cedevita con un’altra tripla. Hunter schiaccia il +8 e Rupnik commette doppio palleggio, Weems può affondare il +10 e chiudere la partita. Terza tripla di Weems che scrive il punteggio finale sul 98-108 la Virtus e primo posto del girone ipotecato.

CEDEVITA OLIMPIJA LJUBLJANA – VIRTUS SEGAFREDO BOLOGNA   98 – 108

Cedevita Olimpija Ljubljana: Radovic ne, Perry 15, Hopkins 4, Duscak Ne, Muric 18, Blazic 29, Brown 2, Hodzic 2, Jones 11, Scuka ne, Dimec 1, Rupnik 16.
Virtus Segafredo Bologna: Tessitori 6, Abass 3, Pajola 3, Alibegovic 11, Markovic 3, Ricci 8, Adams 0, Belinelli 16, Hunter 14, Weems 25, Teodosic 14, Gamble 5.

Punteggi parziali: 22-23; 40-39 (18-16); 62-56 (22-17); 91-91 (29-35); 98-108 (7-17).

Foto copertina: Giulia Pesino.