Webzine di approfondimento dedicato al basket, partite ed eventi, dirette live in streaming video e audio

LBA ‘FINAL EIGHT’ DI COPPA ITALIA – Da domani a Milano il via alla “silenziosa” Coppa Italia 2021

Le prime 8 squadre classificatesi al termine del Girone di andata di Legabasket, si giocheranno la Coppa Italia in un 'Forum' praticamente deserto.

Saranno le ‘Final Eight’ di Coppa Italia di Legabasket più “silenziose” di sempre. Si, perchè al ‘Forum’ di Assago a Milano domani prenderà il via la kermesse d’inizio anno, quella Manifestazione che di solito, su un solo Palasport, vede transitare ben 8 diverse ‘tifoserie’ che urlano, si sgolano, per sostenere la propria squadra che in soli 40′ deve conquistare il passaggio al turno successivo, fino alla Finale. Il tutto in soli 4 giorni. Invece il publico non ci sarà per via della persistente emergenza pandemia da COVID-19 che, diciamola tutta, ha affossato anche il Basket: a tutti i livelli. E allora gli appassionati di Pallacanestro, si dovranno accontentare di seguire questo importante appuntamento aggrappati al piccolo schermo di tv e pc, grazie alla RAI con il canale RAI SPORT HD ed EUROSPORT PLAYER, principalmente su Internet.

Nella presentazione di stamane, al Mediolanum Forum di Assago, è intervenuto il presidente della Legabasket Umberto Gandini che subito ha sottolineato come nella scorsa edizione a Pesaro è stata bellissima e si è conclusa davanti a circa 9.000 spettatori. “Siamo qui un anno dopo e abbiamo avuto la resilienza per giocare ora questa Final Eight dopo che molte squadre hanno avuto focolai e problemi di Covid. Faccio per questo i complimenti a tutte le società: la Lega va avanti continuando a presentare un prodotto molto attraente nel segno dell’equilibrio sia per la conquista del titolo sia per evitare la retrocessione. Si sente la mancanza di ricavi di botteghino mentre scontiamo anche le promesse del Governo non mantenute: il basket ha bisogno di sostegno anche perché le società stanno facendo sforzi enormi”.

Il padrone di casa si chiama Ettore Messina, coach dell’AX Exchange Armani Milano che in questa presentazione, ha ricordato la prima Coppa Italia vinta con la Virtus Bologna nel 1990 e le tre consecutive conquistate alla guida della Benetton Treviso: “Nel 1990 arrivammo in finale senza nessun pronostico a favore con la squadra rinnovata dopo l’addio a Villalta e Bonamico. La nostra forza fu che nessuno si aspettava nulla da noi. Dopo tanti anni lasciai Bologna per Treviso che aveva appena vinto lo scudetto. Ero un nemico storico ma mi accolsero in una maniera che ricordo ancora con molto piacere”.  Gli avversari della squadra ‘meneghina’ sono gli atleti della UNAHOTELS Reggio Emilia. “E’ un piacere essere qui oggi – dice il coach biancorosso Antimo Martinolo è per la squadra e per la società. Arriviamo non in un ottimo momento ma dobbiamo avere la forza per trovare stimoli nuovi. Noi ci affidiamo alla cabala della Coppa, una squadra qualificata ottava sulla partita secca può rivelare sorprese”.

La Segafredo Virtus Bologna, squadra fortemente titolata per questo Trofeo, affronterà i Campioni in carica, i detentori della Coppa Italia della scorsa: l’Umana Reyer Venezia. Il coach felsineo Aleksandar Djordjevic parla del match proprio contro i ‘lagunari’. “Quella contro
Venezia fu una gara bellissima; giocata contro una grande squadra che sa lottare bene fino all’ultimo secondole partite importanti quando contano e non a caso la Reyer si aggiudicò poi la competizione. Manca molto il feeling con il pubblico come nello scorso anno e in casa abbiamo sofferto questa assenza notevolmente in questa stagione” . Al coach bolognese gli fa eco il coach veneziano Walter De Raffaele, che è il campione in carica assieme alla sua Reyer Venezia: “E’ stato bello goderci per tutto l’anno il titolo conquistato nell’ultima edizione della Coppa Italia, la prima per la nostra società. La sfida con la Virtus sarà molto difficile ma lottiamo. La Coppa Italia è sempre un trofeo molto difficile da vincere e ogni sfida è molto aperta”.

E’ la volta poi di Frank Vitucci, coach dell’Happy Casa Brindisi che fa il punto sulla sua squadra e sula Manifestazione. “Arrivare due volte in finale di fila vuol dire soddisfazione e sofferenza. La qualificazione alla Coppa Italia di quest’anno è stato il primo obiettivo raggiunto per
Brindisi: ma si gioca per vincere e non per qualificarsi, ci si aspetta sempre un gradino in
più. Scenderemo in campo venerdì e questo è un aspetto negativo, spero di recuperare i
giocatori infortunati e ce la giocheremo. Trieste è un’ottima squadra, ben allenata, la mano
di Eugenio Dalmasson si vede e anche in campionato è stata una partita tosta”. E proprio il coach triestino Eugenio Dalmasson è l’esordiente in queste Final Eight di Coppa Italia con la sua Allianz Trieste.  “Siamo estremamente orgogliosi di aver dato questa gioia ai nostri
tifosi. Trieste vive di basket e siamo entusiasti di intraprendere questa esperienza. Brindisi
ha cambiato molto ma si sta confermando ad alti livelli, sarà una sfida molto interessante e
complicata per noi”.

Gli ultimi a parlare sono i coach di Banco di Sardegna Sassari e Carpegna Prosciutto Pesaro. Per coach Gianmarco Pozzecco di Sassari, il ‘battesimo’ della Coppa Italia ci fu quando riuscì nell’impresa di battere Venezia tre anni fa. “Al mio esordio alla guida della Dinamo tre
anni fa siamo riusciti a ribaltare il risultato contro Venezia dopo che ero subentrato da
pochi giorni. Così è iniziato per me un percorso straordinario; la società mi ha dato la
possibilità di testarmi nuovamente come allenatore con un grande staff, giocatori che mi
hanno dato tante emozioni e legami umani molto stretti. Sono passati quasi 20 anni da quando il mio avversario in panchina di questa sfida, Jasmin Repesa, mi escluse dalla Fortitudo che avrebbe poi vinto lo scudetto; ora sono più razionale di quando ero giocatore e costringevo gli allenatori a scegliere tra stare dalla mia parte o mettermi da parte. Sono contento di sfidarlo e di ritrovare da avversario Delfino, candidato a vincere il titolo di MVP. Quanto ai pronostici dico solo che la Coppa Italia va alla squadra che gioca meglio”. Ha chiuso Jasmin Repesa che ha riportato la Carpegna Prosciutto Pesaro alla Final Eight dopo ben nove anni: “E’ un grande piacere far parte di questa manifestazione; arriviamo come outsider ma senza alzare bandiera bianca in partenza e vogliamo competere con tutti come fatto fino ad adesso. Negli anni in cui ho allenato a Milano era importante vincere la Coppa Italia per tutto l’ambiente anche perché la vittoria mancava da 20 anni. Questo trofeo si vince con tanta preparazione tecnica, fisica ma soprattutto mentale insieme a grande concentrazione”.

LE SQUADRE E IL CALENDARIO

1. A|X Armani Exchange Milano
2. UNAHOTELS Reggio Emilia
3. Virtus Segafredo Bologna
4. Umana Reyer Venezia
5. Happy Casa Brindisi
6. Allianz Pallacanestro Trieste
7. Banco di Sardegna Sassari
8. Carpegna Prosciutto Pesaro

Quarti di finale
Giovedi 11 Febbraio 2021
ore 18.00: A|X Armani Exchange Milano – UNAHOTELS Reggio Emilia
ore 20.45: Virtus Segafredo Bologna – Umana Reyer Venezia
Venerdì 12 Febbraio 2021
ore 18.00: Happy Casa Brindisi – Allianz Pallacanestro Trieste
ore 20.45: Banco di Sardegna Sassari – Carpegna Prosciutto Pesaro

Semifinali
Sabato 13 Febbraio 2021
ore 18.00: 1° Semifinale
ore 20.45: 2° Semifinale

Finale
Domenica 14 Febbraio 2021
ore 18.15: Vincente 1° Semifinale – Vincente 2° Semifinale