Webzine di approfondimento dedicato al basket, partite ed eventi, dirette live in streaming video e audio

LEGABASKET – Avellino che impresa a Milano !

Terza giornata di ritorno del campionato di Legabasket serie A1, la Sidigas Avellino proveniente da 4 vittorie di fila affronta l’EA7 Milano tra le mura del Mediolanum Forum di Assago.
Coach Repesa inserisce in quintetto Lafayette, Cinciarini, Simon, Macvan e Magro a cui coach Sacripanti contrappone Green, Nunnally, Acker, Leunen e Cervi; i biancoverdi partono forte sul 9-16 dopo 5′ di gioco, Milano però nei 3 minuti finali infila un contro parziale di 9-0 che chiude il primo periodo sul 21 – 20.
Al rientro in campo i padroni di casa provano la prima mini fuga ma gli irpini non stanno a guardare e con le triple di Nunnally e Acker si portano avanti sul 38-42 alla fine del primo tempo.
In uscita dagli spogliatoi i ragazzi di coach Sacripanti sembrano non sbagliar più nulla, portandosi addirittura sul più 12 dopo 5 minuti di gioco. Coach Repesa però scuote i suoi così l’EA7 inizia ad alzare i ritmi difensivi costringendo Avellino a numerose palle perse e tiri forzati, mentre il nuovo acquisto Kalnietis intanto piazza 8 punti in pochi minuti portando i suoi sul 57 pari al termine del terzo quarto.
Milano sembra aver trovato la bussola del gioco, mettendo un paziale di 15-4 dopo 4 minuti, ma le triple di Nunnally, Acker e Green riportano i biancoverdi in partita sul 78-74 ad 1.20′ dalla fine. Maarten Leunen però decide di mettere la ciliegina sulla torta con 2 liberi, la tripla del sorpasso a 11 secondi dal termine, ed una perfetta difesa sull’ultima azione che sigla l’impresa per Avellino sul 80 a 81. Da sottolineare il record di 42 successi consecutivi in casa crollato per l’Olimpia Milano che non perdeva dal 24 Marzo 2013, confermando sempre di più l’ottimo momento per i ragazzi della Scandone che partita dopo partita sembrano avere sempre maggior fiducia per riportare Avellino più in alto possibile.

 

EA7 Milano – Sidigas Avellino 80 – 81 

Parziali: 21-20, 17-22, 19-15, 23-24.

MILANO : Mclean 9, Lafayette 4, Amato ne, Cerella 3, Kalnietis 15, Macvan 14, Magro 2, Vercesi ne, Cinciarini 2, Jenkins 5, Barac 6, Simon 20.

Tiri da 2 : 15/37 Tiri da 3 : 11/20 Tiri Liberi: 11/13 Rimbalzi: 34 (23 d, 11 o)
IL MIGLIORE : Krunoslav Simon il croato è un cecchino dalla lunga distanza, infilando ogni cosa che gli passa per le mani, ottima prova dove colleziona anche 6 rimbalzi e 7 assist, nell’azione finale però si ingarbuglia commettendo infrazione di passi.
IL PEGGIORE : Daniele Cinciarini dovrebbe essere il playmaker titolare della nazionale italiana, questo per tutti noi tifosi non è di certo un conforto, anzi le sue ultime prestazioni lasciano sempre più perplessi.

AVELLINO :
Norcino ne, Ragland 4, Green 9, Veikalas 4, Acker 14, Leunen 8, Cervi 16, Severini , Nunnally 20, Pini , Buva 6, Parlato ne.

Tiri da 2 : 21/36 Tiri da 3 : 9/24 Tiri Liberi: 12/13 Rimbalzi : 24 (18 d, 6 o)
IL MIGLIORE : Maarten Leunen la decide in tutti i sensi, prima in attacco e poi in difesa con il cuore, la grinta e l’esperienza. Da non sminuire anche le prove di Green, Cervi, Nunnally e Acker autori di un’ottima partita.
IL PEGGIORE : Joe Ragland non riesce a replicare l’ottima prova sfornata contro Reggio Emilia, rimane con la testa sulla gara sino al 20′. Al rientro in campo sembra aver dimenticato la testa negli spogliatoi.