Webzine di approfondimento dedicato al basket, partite ed eventi, dirette live in streaming video e audio

DNB Girone D: A Bernalda ritorna Giuseppe Delia.

deliaGiuseppe Delia è l’Assistant Coach di Luciano Cotrufo e Responsabile Tecnico del Settore Giovanile, per il prossimo campionato 2013/2014 per la Cestistica Bernalda. “Bernaldese” doc, 25 anni, Giuseppe ritrova la Cestistica Bernalda, con la quale ha avuto il piacere di raggiungere da giovane giocatore diversi importanti traguardi, come la promozione nel campionato di Dnb e la vittoria della Coppa Italia di categoria. Laureato in Scienze e Tecniche delle Attività Motorie Preventive ed  Adattate, presso l’’Università di Chieti, con il massimo dei voti, intraprende la carriera di allenatore proprio nella città abruzzese, prima come allenatore delle formazioni giovanili poi come assistente della prima squadra teatina, con la quale vince il campionato di Dnb, agli ordini di coach Domenico Sorgentone. Durante gli anni universitari ha anche modo di fare importanti esperienze federali: nel 2010 partecipa come giovane allenatore al Progetto di Qualificazione Nazionale con coach Gaetano Gebbia, mentre nel 2011 è nello staff tecnico della rappresentativa Abruzzo al Trofeo delle Regioni di Torino. Terminati gli studi passa alla Stella Azzurra Roma, società premiata nel febbraio 2013 come il Miglior Settore Giovanile di Italia, come assistente di coach Germano D’Arcangeli. Nella società che vanta la formazione di diversi talenti italiani, tra cui Andrea Bargnani, coach Delia lavora con la prima squadra, militante nel campionato di Dnb, e con le formazioni giovanili, raggiungendo la Finale Nazionale della Dng, il massimo campionato giovanile italiano. ““Ritorno a Bernalda – dici Giuseppe Delia –  per un anno importante. Mi piace l’’idea di un Palacampagna sede di tanto lavoro tecnico e fonte di energia ed entusiasmo per l’’intero paese. Vedo il settore giovanile e tutto il popolo bernaldese come l’’anima del club. Noi in campo lavoreremo per metterci testa, muscoli e cuore. Ringrazio il presidente Leonardo Salerno e coach Luciano Cotrufo per la voglia di riportarmi nella mia terra”.