Webzine di approfondimento dedicato al basket, partite ed eventi, dirette live in streaming video e audio

LNP Serie B – Hadzic torna ad Alba: intervista esclusiva

Le prime parole di Hadzic, l'ultimo colpo di mercato di Alba

A qualche giorno da Natale, la San Bernardo Alba si è regalata un colpo da novanta: alla corte di Bergui approda l’ala nativa di Sarajevo Damir Hadzic. La Serie B 2020-21 ha un nuovo gioiellino.
Classe 1997, comincia a giocare a pallacanestro proprio nella cittadina piemontese per poi intraprendere un lungo percorso: Crabs Rimini, Arlington Country Day School, Trojans di Little Rock e Flagler Saints College. Nell’ultima stagione ritorna in Italia e con la Virtus Roma esordisce in Serie A. Nelle uscite con i capitolini spiccano gli 8 punti realizzati contro la Pallacanestro Varese.
Dotato di buon atletismo, Hadzic è un’ala di 203 centimetri per 97 chilogrammi, capace di fare valere le proprie qualità sia nel pitturato che dall’arco.
L’INTERVISTA
Buongiorno Hadzic, partirei proprio dall’inizio della tua stagione nella capitale. Tralasciando l’epilogo, come è stato esordire e giocare minuti importanti in Serie A?
Giocare in serie A è sempre stato il mio sogno da bambino e aver avuto la possibilità di giocare, da rookie, minuti sostanziosi per coach Bucchi è stato davvero emozionante.

 

hadzic
Hadzic in azione con la Virtus Roma – Foto Pagina Facebook Virtus Roma
Nella tua carriera, dopo Alba e l’esperienza a Rimini, tra giovanili e prima squadra, c’è anche tanto basket a stelle e strisce. Che ricordo hai dell’high school e del college? E, soprattutto, cosa ti hanno dato a livello cestistico e umano gli anni oltreoceano?
Sicuramente la mia esperienza americana di quasi 5 anni mi ha cambiato molto sia umanamente che fisicamente. Quando sono andato là per la prima volta ero davvero magro e fragile. Con tanto lavoro e sudore sono riuscito a migliorare il mio aspetto atletico grazie ai tanti coach e preparatori che mi hanno aiutato. Il college io lo definisco una “jungla” perché come tipologia di gioco è molto selvaggio. Corri, salti, tiri, corri di nuovo, diciamo che è un gioco molto veloce e libero. Umanamente gli States mi hanno aiutato a rafforzare il mio carattere, perché là affronti i problemi da solo, non ci sono mamma o papà a coccolarti (sorride).

 

Hadzic Flagler College
Hadzic con la divisa del Flagler College – Foto Profilo Social giocatore

 

Il GM Edoardo Bergui ha detto che è stata decisiva, per il buon fine della trattativa, la tua volontà. Quali sono i fattori che hanno influito sulla scelta di approdare, o meglio riapprodare, all’Olimpo Basket Alba?

 

Ho deciso di tornare ad Alba, pur avendo offerte di serie A estere e altre offerte di leghe inferiori in Italia, perché penso che dopo quasi 10 anni che sono fuori casa, questa sia la scelta più giusta per la mia crescita cestistica in questo periodo “strano” per tutti. Conosco coach Jacomuzzi e la famiglia Bergui da anni, siamo sempre stati in contatto e adesso si è avverato tutto. Sarà bello giocare a casa, con la fiducia della società sulle spalle.

 

Alba è una squadra molto giovane, tu sei un classe ’97 e, nonostante i 23 anni, sei uno dei più “vecchi”. Cosa pensi di poter dare al team?
La squadra è molto giovane con dei giocatori come Danna, Antonietti, Tarditi e Coltro che offrono la giusta esperienza che serve ad ogni squadra. Il mio intento è quello di dare molta energia e fisicità e, insieme ai miei compagni, seguire le direzioni di coach Jacomuzzi per poter vincere più partite possibili e arrivare ai playoff.

 

Immagine in evidenza: Pagina Facebook Virtus Roma