Webzine di approfondimento dedicato al basket, partite ed eventi, dirette live in streaming video e audio

LBA – Segafredo Virtus Bologna: che succede? Secondo tonfo casalingo!

Reggio Emilia vince meritatamente in trasferta a Bologna

La Segafredo Virtus Bologna ‘cala le braghe’ nuovamente sul parquet amico, concedendo alla Unahotels Reggio Emilia di portare a casa i due punti in palio. 67 a 77 il punteggio finale, frutto di un match non certo esaltante, ma che ha premiato i reggiani capaci di giocare con una buona intensità fino all’ultimo secondo. La Virtus Bologna torna sul parquet casalingo dopo la trasferta di Andorra e ritrovano Pajola dopo l’infortunio all’adduttore rimediato nella partita di campionato contro Brescia.

Dopo i due precedenti scontri in LBA – Supercoppa vinti dalla Virtus, le due squadre si incontrano per la prima volta in campionato. Al termine di una partita iniziata benissimo per la Virtus, Reggio Emilia riesce a conquistare la vittoria macinando punti per tutto l’incontro e spezzando la gara nel momento giusto.

Starting five

Virtus Bologna: Markovic, Adams, Weems, Ricci, Tessitori
Reggio Emilia: Taylor, Johnson, Bonaccini, Bostic, Elegar

Primo quarto
Il primo quarto si apre con una Virtus e soprattutto un Ricci dominante che non sbaglia nulla, 2/2 da 2 e 2/2 da 3. Reggio al contrario parte con molte più difficoltà, il primo caestro arriva dopo 4 minuti e a metà quarto lo svantaggio è già di 14 punti. L’ingresso di Kyzlink e Baldi Rossi portano ossigeno insieme al solito Taylor.
La Virtus dall’altra parte inizia a sporcare le percentuali e Reggio riesce ad accorciare il netto svantaggio iniziale. C’è subito spazio anche per Pajola dopo l’infortunio all’aduttore rimediato nella partita di campionato contro Brescia.
24-18 a fine primo quarto.

Secondo quarto
Dopo il primo mini riposo la Virtus sembra partire meglio di Reggio Emilia. L’intensità della partita si alza ulteriormente e gli ospiti continuano a macinare punti e ad accorgiare lo svantaggio fino al -2 con la tripla di Taylor. La Reggiana prova anche la difesa a zona 2-3 ma viene puntalmente punita da Ricci, che continua a non sbagliare un colpo. Spazio anche per lo spettacolo, prima con l’alley-oop per Elegar e subito dopo il contropiede di Gamble che segna e subisce fallo. Da questo punto in poi la partita diventa punto a punto e le due compagini continuano a sorpassarsi una azione dopo l’altra. Alla fine del quarto Reggio è più precisa al tiro e chiude il quarto in vantaggio, 42-44.

Terzo quarto
Nella ripresa Ricci continua la sua super partita, che verrà penalizzata dai falli commessi. Bostic viene penalizzato con un tecnico per flopping, non convertito da Teodosic, a dimostrazione della serata negativa per il serbo. Alla positiva prestazione di Ricci risponde l’ex capitano Baldi Rossi che sbaglia il primo tiro solo nel terzo quarto, fin qui 5/5 da 2, 1/1 da 3, e 2/2 ai liberi (15 punti). Gli ospiti alzano i colpi in difesa (per 3′ le “V Nere” non segnano) ma sbagliano in attacco e non puniscono i padroni di casa. Ritrova comunque il massimo vantaggio di 4 lunghezze. Nei minuti finali del quarto la Virtus ribalta il +6 reggiano e con Abass prima e Adams da 3 allo scadere torna in vantaggio. 57-56 il punteggio all’ultimo riposo.

Quarto quarto
La partita continua nella sua intensità e viene svoltata da Bostic con una tripla dall’angolo, dove subisce anche un fallo e lo converte. Sempre Bostic trova altre due triple consecutive e spezza definitivamente la partita. Per i padroni di casa le difficoltà aumentano e il nervosismo sale alle stelle culminato con l’espulsione di Teodosic per proteste. A questo punto Reggio Emilia deve solo amministrare la vittoria, dall’altro fronte la Virtus cerca di rientrare ma la serata dalla lunga distanza è ormai negativa.

La partita termina sul punteggio di 67-77.

Virtus Bologna: Tessitori 4, Abass 4, Pajola 0, Alibegovic 7, Markovic 0, Ricci 18, Adams 6,  Hunter 4, Weems 2, Nikolic n.e., Teodosic 9, Gamble 13.

Reggio Emilia: Bostic 17, Candi 7, Baldi rossi 18, Porfilio n.e., Taylor 19, Giannini n.e., Elegar 3,  Johnson 3, Bonacini 0, Diouf 0, Blums 0, Kyzlink 10.

Foto copertina: Giulia Pesino