Webzine di approfondimento dedicato al basket, partite ed eventi, dirette live in streaming video e audio

LBA ‘PLAY OFF’ – La Dinamo Sassari costringe Venezia a Gara 5

I sardi "schiacciano" i lagunari nell'ultimo Quarto di gioco.

Vittoria casalinga per il Banco Sardegna Sassari nella gara quattro dei quarti di finale contro la Reyer Venezia. Nella sfida del PalaSerradimigni la Dinamo batte Venezia per 86 a 73 grazie a un ultimo quarto da 27 a 14. I sassaresi son riusciti a prevalere nonostante per ben due quarti son stati in grande difficoltà grazie soprattutto a una grande difesa ospite. Grandi prestazioni per il lungo tiratore Bendzius , autore di 25 punti e il play Spissu a referto con 20 punti, mentre per la Reyer in evidenza l’esterno Chappell autore di 11 punti e 9 rimbalzi.

La Dinamo di Coach Pozzecco schiera sul parquet Spissu, Gentile, Burnell, Bilan, Bendzius dalla parte opposta coach De Raffaele risponde con Tonut, Watt, Stone, Chappell, De Nicolao. Dopo le prime due azioni senza realizzazione, apre le marcature Burnell da sotto. Tanti errori per entrambe le squadre nei primi minuti con il punteggio molto basso. Dopo il canestro di Spissu per oltre due minuti non si vedono segnature fino a quando De Nicolao a metà quarto toglie il tappo dal canestro andando a realizzare i primi punti del match per i veneziani. Nella parte finale del quarto la Dinamo confeziona un break di 7 a 0 e si porta sul 14 a 3 , la Reyer risponde con Daye ma un chirurgico Bendzius realizza due canestri di fila dalla distanza portando i suoi al massimo vantaggio e chiudendo la prima frazione sul 20 a 6.

Nel 2°quarto subito canestro dalla lunga distanza del piccolo Katic ma la Reyer risponde con un super break di 16 a 0 confezionato dalla coppia Daye e Jerrells portando i veneti a un solo canestro dai padroni di casa sul 23 a 20. Nonostante un altro timeout chiesto da coach Pozzecco per strigliare i suoi in palese difficoltà, gli ospiti realizzano con Daye altri due punti. Burnell realizzando i due tiri liberi dopo il fallo subito da Chappell mette fine al lungo parziale della Reyer che al 28’ riesce a compiere il sorpasso sul 27 a 28. La Dinamo, con il play Spissu seduto in panca per problemi di falli, va all’intervallo lungo in svantaggio sul 31 a 35.

Dopo il riposo parte forte la Reyer con la tripla di De Nicolao a cui risponde Burnell con due punti a referto.  La Reyer cerca l’allungo con due triple di Stone e Chappell e si portano al massimo vantaggio sul 38 a 46, i padroni di casa rispondono con la tripla di Spissu ma con un altro parziale completato dalla tripla di Tonut i veneziani allungano sul 41 a 53. La Dinamo prova a reagire e grazie anche al fallo antisportivo di Daye su Bendzius  si riporta sotto a soli 5 punti sul 54 a 59. Nell’ultimo minuto show time del croato Katic che prima realizza un canestro all’interno dell’area e poi negli ultimi secondi mette a segno la tripla della perfetta parità sul 59 a 59 completando la rimonta per il Banco.

L’ultima frazione si apre con la Dinamo che continua ad incrementare il parziale aperto nel terzo quarto con altri 4 punti , prima due tiri liberi di Spissu e poi canestro del lituano Bendzius. De Nicolao risponde con la sua specialità , il tiro dall’arco ma i biancoblu, con il solito Bendzius e un ottimo Katic, mettono a segno tre triple consecutive portandosi sul 74 a 67. La Dinamo ,in totale controllo negli ultimi minuti, allunga il parziale con i due play Katic e Spissu. Finisce 86 a 73 per i padroni di casa che riescono a portarsi in parità nelle serie e giovedì sera si giocheranno la bella nella sfida del Taliercio di Mestre.

 

BANCO DI SARDEGNA SASSARI –  UMANA REYER VENEZIA 86 – 73

BANCO DI SARDEGNA SASSARI: Bilan 4, Treier, Kruslin 3, Chessa, Burnell 6, Bendzius 25, Re , Gandini , Gentile 7, Katic 13, Happ 8, Spissu 20. Coach: Gianmarco Pozzecco

UMANA REYER VENEZIA: Chappell 11, Stone, Daye 7, Tonut 8, Vidmar 3, Watt 13, Cerella 0, Jerrells 14, Mazzola 0, Campogrande ne, De Nicolao 9, Casarin 0. Coach: Walter De Raffaele.

Punteggi progressivi: 20-6, 31-35, 59-59, 86-73.