Webzine di approfondimento dedicato al basket, partite ed eventi, dirette live in streaming video e audio

LEGABASKET – La top 5 della seconda giornata

LEGABASKET SERIE A- Top 5 2° giornata

DARIUS JOHNSON-ODOM: Il play americano della Dinamo Sassari sfodera una prestazione perfetta, macchiata solo dai due liberi finali sbagliati, che tuttavia non è bastata ai sardi per evitare la sconfitta sul campo della Grissinbon Reggio Emilia. Unisce grande atletismo a tecnica ed esperienza che gli permettono di segnare ben 24 punti e smazzare 6 assist chiudendo con 24 di valutazione.
COREY HAWKINS: Lieta sorpresa per la The Flexx Pistoia, che trova in Hawkins un terminale offensivo di prima fascia per guidare la rimonta della squadra pistoiese ai danni dell’Enel Brindisi. I toscani si trovano in difficoltà sin dai primi minuti del match, quando i brindisini grazie a M’baye volano subito sul 9-0. Dopo una lenta rimonta, la The Flexx riesce a dare la spallata decisiva alla partita grazie al nativo di Philadelphia che chiude il match con 17 punti, 10 rimbalzi, 6 falli subiti e 5 assist per un 28 di valutazione.
CHRISTIAN EYENGA: Grande partita per l’atletico esterno della Openjonmetis Varese che trascina i suoi alla vittoria su una spaesata Juve Caserta. L’ex Sassari, con la complicità di Melvin Johnson e Norvan Pelle, annichilisce i campani con una prestazione da 19 punti, 7 rimbalzi, 5 falli subiti tirando con l’87% da 2, per un 29 di valutazione.
KYRYLO FESENKO: Partita dominante per il lungo di nazionalità ucraina che tuttavia non riesce ad evitare la sconfitta di una Sidigas Avellino mai doma nel lunch match del Forum contro l’Olimpia Milano. L’ex Cantù fa sentire tutto il suo peso sotto le plance totalizzando 22 punti con un sorprendente 6/6 dalla lunetta, 7 rimbalzi e 9 falli subiti per un 31 di valutazione.
DJ WHITE: Anche nel match casalingo contro la Consultinvest Pesaro si conferma uno dei lunghi più dominanti della Legabasket Serie A, trascindando la sua Fiat Torino alla vittoria. Record personale per punti e valutazione per il lungo piemontese, che chiude il match con 26 punti, 10 rimbalzi e 3 assist per un 35 di valutazione.

TOP 5 ITALIANI

LUCA VITALI: Altra solida partita per l’ex Montegranaro che ci mette tutta la sua esperienza e tutta la sua capacità di mettere in ritmo i compagni per trascinare la Germani Brescia alla vittoria su una Pallacanestro Cantù in giornata decisamente no. Conclude il match segnando 7 punti e smazzando 8 assist per un 12 di valutazione.
MIRZA ALIBEGOVIC: Se molti continuano ad avere dubbi sulla sua tenuta fisica nella massima serie, Mirza continua a smentirli con ottime prestazioni. E’ questo il caso anche nel match casalingo dell’Auxilium Torino, che batte la Consultinvest Pesaro grazie anche a una solida prova dell’ex Brescia, che si scatena nell’ultimo quarto e dà la spallata decisiva al match. Chiude con 15 punti.
AMEDEO DELLA VALLE: Buona partita per il prodotto di Ohio State, che, soprattutto nel primo tempo, nel maggior momento di difficoltà della sua Grissinbon Reggio Emilia, si mette in proprio e mantiene a galla i suoi, trascinandoli alla vittoria sul Banco di Sardegna Sassari. Termina la partita con 12 punti, 5 rimbalzi, 5 falli subiti tirando col 50% dal campo.
LUCA CAMPANI: Buona prova per il lungo ex Montegranaro e Cremona che parte nello starting five della Openjobmetis Varese e ripaga della fiducia egregiamente coach Moretti. Nella partita dominata dai lombardi, Campani realizza 9 punti, cattura 8 rimbalzi e subisce 5 falli totalizzando un 17 di valutazione.
ACHILLE POLONARA: L’ex Teramo e Varese risulta fondamentale nella vittoria della Grissinbon Reggio Emilia sulla Dinamo Sassari. Dopo essere rimasto silente per gran parte del match, sale in cattedra nell’ultimo quarto compiendo delle giocate decisive che respingono ogni tentativo dei sardi di impattare la partita. Chiude il match con 12 punti e 6 rimbalzi tirando con l’80% dal campo, per un 19 di valutazione.

TOP U22

ZOLTAN PERL: Il giovane lungo della Beteland Capo d’Orlando si conferma uno dei migliori giovani prospetti del massimo campionato italiano, giocando un’ottima partita pur perdendo contro una Reyer Venezia troppo più forte per poter essere impensierita dai siciliani. Chiude il match con 17 punti e 4 rimbalzi per un 23 di valutazione.