Webzine di approfondimento dedicato al basket, partite ed eventi, dirette live in streaming video e audio

Run and Jump speciale LBA : Milano senza Shields sei ancora meglio,Virtus più forte anche della sfortuna,Venezia risorge in acqua 8

Tortona gioca un primo quarto perfetto ,poi si arrende alla profondità e alla maggiore caratura tecnica degli uomini di E. Messina

In attesa che si completi il quadro della giornata  con le altre gare di oggi,  andiamo ad analizzare cosa è successo nello scorso Week end in LBA. Milano gioca un primo quarto da incubo contro una Tortona  che la costringe a cambi sistematici in ogni azione della prima frazione punendola in tutte le zone  del campo,  un primo quarto perfetto degli uomini di coach Ramondino che sfruttano  alla perfezione anche i cattivi rientri meneghini nelle transizioni difensive.

Un super Bentil uniti ai vari Grant e Alviti forse questa volta hanno convinto E. Messina a dare più spazio a tanti giocatori che nella prima parte del campionato erano caduti nel dimenticatoio generale. E forse non tutti i mali vengono per nuocere…la squadra  senza Shields quando gioca alternando palla dentro – palla fuori , risulta essere molto piu’ fluida muovendo spesso la palla con continuità su ambo i lati del campo,  è ovvio che l’ex Trento rimane un giocatore indispensabile nello scacchiere dello staff tecinico Milanese, specialmente quando attacca in situazioni di motion.

La Virtus Bologna rimonta Reggio Emilia battendo contemporaenamente avversari e sfortuna, l’infortunio a  Teodosic ( le analisi di oggi hanno confermato che il serbo  saraà a disposizione tra 20 – 25 giorni ) poteva essere devastante non solo per il morale del club Felsineo già in piena emergenza dopo i vari infortuni a Udoh,Abass e Mannion ma anche per il nostro campionato gia’ “povero” di stelle.  Venezia risorge  e cerca di conquistare l’ottavo posto che le consentirebbe di disputare le final eight di Coppa Italia. De Raffaele ritrova  un Bramos  devastante,  Sanders e Vitali  uniti al greco danno  al tecnico livornese molto pi soluzioni sul perimetro e maggiore qualita’ nell’ allargare il gioco e le maglie difensive. Nel finale di gara erano 4 i piccoli in campo con Tonut e Watt a completare un quintetto davvero interessante che ha anche sfruttato al meglio le assenze che sono pesate e non poco per la Dolomiti Energia Trento.

La Fortitudo vince una gara importantissima  togliendola dalla zona calda della classifica. Un super Benzing  trascina gli uomini di A. Martino ad un successo che potrebbe far ritrovare continuità e morale ad un gruppo che ha tutte le carte in regola quantomeno per poter puntare all’ottavo posto finale e giocare i play off da vera mina vagante…